venerdì 16 marzo 2012

di blog in blog... alla ricerca di qualcosa di dolce e morbido : torta ricotta e amarene

La rete è una cosa fantastica perché ci permette di fare degli scambi eccezionali e arricchirci di nuove ricette. E' quanto mi è capitato alcuni giorni fa che, presa da un'irrefrenabile voglia di qualcosa di dolce e con un avvolgente profumo di casa, ho iniziato a vagare tra i miei blog preferiti e ho scoperto questa fantastica torta di Ambra  che a sua volta l'aveva presa da Serena.Si tratta di una morbida torta che, partendo dalla ricetta base, può essere arricchita di quanti più ci piace, gocce di cioccolato, frutta secca, canditi: io ho usato le amare sciroppate che adoro, come avranno capito quanti mi seguono.Per cuocere il dolce ho usato uno stampo di terra cotta, acquistato l'estate scorsa in Alsazia






180 gr di farina
150 gr di zucchero
 150 gr di burro
 250 gr di ricotta
 3 uova
20 amarene sciroppate
 latte q.b.
 1 cucchiaino di lievito in polvere
 1 pizzico di sale
 zucchero a velo per decorare


 
  • separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve con un pizzico di sale quindi tenerli  da parte,
  • ridurre a crema il burro e lo zucchero, quindi aggiungere la ricotta, le uova, la farina, il lievito e le amarene sciroppate, 
  • incorporare delicatamente anche gli albumi montati, versare tutto in uno stampo a ciambella ben imburrato,
  • cuocere in forno preriscaldato a 180°  infornate a 180° per circa 30 minuti,
  • lasciare raffreddare e cospargere con zucchero a velo.



5 commenti:

  1. Buonissima!!!!! Quando ce la rifai? (dal piano di sopra)

    RispondiElimina
  2. Bellissima la tua torta!! La metto subito tra i preferiti!!
    Un saluto Carmen

    RispondiElimina
  3. Hai ragione i blog ci arricchscono sia perchè ci fanno conoscere altre persone e il modo loro i cucinare sia per la scoperta di nuove ricette. Questa torta per esempio io non la conoscevo e grazie a te è arrivata fino a me, è stata annotata sul mio quadernino e sarà provata e assaggiata. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. La ciambella è certamente ottima, delicata e cotta in quello stampo è bella davvero. Non immagini quanto mi sia pentita di non aver comprato lo stampo in un viaggio in Alsazia, non pensavo cuocesse bene! Ho preso un lampadario blu che ancora devo piazzare e invece c'erano delle teglie meravigliose! Tocca riandarci!
    Complimenti anche per le foto, soprattutto la prima mi piace un sacco!
    A presto, un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Ma che splendida ricetta!!!

    RispondiElimina