martedì 25 ottobre 2016

MTC 60 : le tapas


Siamo alla sfida n° 60 proposta da  Mai de "Il colore della curcuma"  la vincitrice del mese scorso con le sue "Gnocozze al profumo di mare". La sfida che ci propone è molto, molto tosta: tutti sappiamo che cosa sono le tapas, ma sfido la maggior parte di noi ad essere informate sulle tre differenze tra tappa, pincho e montadito. Niente paura, Mai è stata veramente strabiliante a spiegare, nei minimi particolari, sia le differenze tra le tre sia le diverse provenienze, ancora grazie. La difficoltà della sfida non solo sta nel sapere proporre tre diverse ricette ma anche trovare un filo conduttore le che accomuni.Per me la difficoltà maggiore è stata proprio quella di trovare qualcosa che accomunasse le tre preparazioni, ma soprattutto che non fosse banale.
Due tesi di laurea discusse proprio in questi giorni, da parte dei ragazzi di casa, mi hanno fatto accendere la lampadina: che cosa accomuna il fegato con cipolle e alloro con i peperoni alla griglia su pane in cassetta ( fatto in casa) e mini panini ( anch'essi fatti in casa)con hamburger in puro stile States? ma è ovvio, seguite il ragionamento: chi consegue la laurea si chiamo laureato perché nell'antichità portava la corona di alloro ( cosa ritornata di moda oggi, non ai miei tempi), per le lauree si distribuiscono confetti rossi e i peperoni sono rossi e un po' di peperoncino porta fortuna, che  non guasta mai. Terzo grado di separazione, i panini con hamburger: ma è ovvio, mia figlia (una delle neo laureate) per completare la tesi ha trascorso quattro mesi nel Stati Uniti (cuoricino di mamma)dove, credo, si sia sfamata spesso con questo tipo di panini.  
Di seguito le ricette.


pane bianco in cassetta

Per 1 teglia rettangolare da 25×11 cm 

275 g acqua
465 g farina 00 
17 g zucchero
2 g di miele (opzionale)
40 g burro
10 g lievito di birra 
12 g sale

  • sciogliere il lievito nell’acqua, aggiungere il malto (facoltativo),lo zucchero e mescolate bene,
  • incorporare metà della farina ed iniziare ad impastare,
  • quando la farina e’ assorbita, aggiungere il burro a pezzetti a temperatura ambiente quindi il sale,
  • ora aggiungere a poco a poco la restante farina. In questo modo l’impasto incorporerà ossigeno che aiuterà la lievitazione e la buona riuscita del pane,
  • dopo 4-5 minuti, fermare l’impastatrice, rovesciare la pasta su se stessa e raschiare la pasta dalla parete dell’impastatrice. Questo procedimento facilita ed accelera lo sviluppo del glutine che darà elasticità alla pasta e migliorerà la lievitazione,
  • continuare ad impastare,
  • Impastare per 8-10 minuti, 
  • spolverare di farina il tavolo da lavoro e rovesciare la pasta,
  • formare una palla,
  • spolverare la superficie con la farina e coprire bene con la pellicola trasparente in modo che la pasta non faccia la crosta durante la lievitazione,
  • coprire il tutto con uno strofinaccio per facilitare la lievitazione,*
  • fare lievitare per 45 minuti,(in inverno è opportuno  mettere l'impasto a lievitare in un contenitore coperto dentro il forno spento,  con la luce accesa che mantiene una temperatura di circa 30°,
  • piegare la pasta in tre,
  • quindi piegarla in due nel verso opposto, (questo procedimento rafforza la pasta sviluppando ulteriormente la gabbia del glutine),
  • coprire il tutto e lasciate riposare per 10 minuti,
  • schiacciare la pasta fino ad ottenere un rettangolo più o meno largo come la teglia,
  • piegate 1/3 della pasta su se stessa,
  • quindi sovrapporre il resto della pasta sulla prima piega,
  • imburrate bene la teglia,adagiarvi la pasta  con il taglio sotto
  • spennellare la superficie con  una miscela di rosse d’uovo e acqua,
  • coprire assicurandovi che la pellicola trasparente non impedisca alla pasta di svilupparsi in altezza
  • fare lievitare per altri 60-75 minuti,
  • venti minuti prima di infornare, portare il forno a 220°,
  • quindi  abbassare la temperatura a 190°
  • Cuocete per 30-35 minuti.

peperoni grigliati

1 peperone rosso
prezzemolo
2 spicchi d'aglio
olio extra vergine di olive
sale q.b.

  • per la preparazione dei peperoni grigliati qui,
  • dopo avere preparato i peperoni condirli con abbondante olio di extravergine di oliva, prezzemolo tritato e l'aglio tagliati a lamelle,
  • lasciare marinare per alcune ore. 


pincho

pane in cassetta
peperoni alla griglia marinati
acciughe sotto sale
per la preparazione del pincho:

  • tagliare il pane in cassetta a quadratini di circa 3 cm di lato e spessi 1 cm,
  • lavare sotto l'acqua corrente le acciughe sotto sale e ridurle a filetti,
  • porre alla base dello stuzzicadenti il pane, quindi infilzare il filetto di peperone, piegato a fisarmonica, all'interno del quale sarà posto un pezzetto di acciuga. 

tapa

250 gr di fegato di vitello
3 cipolle di media dimensione
3 cucchiai di olio di oliva
3 foglie di alloro
1/2 bicchiere di vino bianco
sale q.b.

  • tagliare il fegato a pezzetti,
  • affettare le cipolle piuttosto sottili,
  • farle  appassire nell'olio,
  • aggiungere il fegato e le foglie di alloro,
  • fare rosolare il tutto per alcuni minuti,quindi aggiungere il vino bianco,
  • dopo che questi è evaporato fare cuocere per una decina di minuti, servire ben caldo. 

burger buns 

90/100 ml di acqua
15 gr di burro
2 uovo
225 gr di farina 00
25 gr di zucchero 10 gr di lievito di birra
1 cucchiaino di sali
semi di sesamo

  • per la preparazione della pasta si procedere come per il pane in cassetta sino al punto*,
  • fare riposare per circa due ore (dentro al forno spento, con luce accesa),
  • trascorse le due ore stendere leggermente la pasta,
  • formare delle palline di circa 70 gr e pirlare, spennellare con rosso d'uovo, cospargere con semi di sesamo,
  • rimettere a lievitare per circa un'ora,
  • cuocere a forno preriscaldato a 190° per circa 15 minuti.
hamburger
 carne di bovina con il 20% di grasso
pomodoro 
insalata
cipolla di Tropea
formaggio cheddar
sale

  • tritare la carne, possibilmente al coltello, ma comunque mai acquistarla  già macinata,
  • formare delle palline del diametro di 3/4 cm,
  • con le mani inumidite schiacciarle fino a dare la classica forma dell'hamburger,
  • scaldare una padella antiaderente e cuocere la carne per circa 3 minuti per parte,
  • salare,
  • poco prima di togliere l'hamburger adagiare una fetta di formaggio.


montadito
burger bus
hamburger

  • tagliare a metà il panino,
  • adagiare sul fondo una foglia di insalata, una fetta di pomodoro, quindi l'hamburger e la cipolla tagliata a fette sottili. 





con queste ricette partecipo a MTC 60



2 commenti:

  1. Credo che vi siete proprio scatenati a cercare l'elemento che fosse il collant della vostra proposta per le tapas, e avete scatenato un fiume in tutta la blogosfera culinaria!
    Tu hai scelto l'alloro un albero nobile e con tante simbologie come il coraggio, l'intuizione e la fiducia in se stessi ma anche come ricchiamo del successo e dicono che fa avverare i desideri!
    Possiamo dir che hai scelto un fil rouge potente!!!
    E le tue motivazioni sono più che sufficienti per capire quanto ci tieni a queste due lauree!
    i legami li hai spiegato e sono chiari, ma una domanda mi sorge… ed è: quanto ti piace fare il pane a casa a te? Tantissimo bedo! E questo per me e da fare i complimenti.
    le ricette sono spiegate molto bene ma quella che mi fa impazzire e il tuo burger montadito!!! proprio una miniatura fatta a scala, splendida!

    Complimente y enorabuena por las laureas!!!

    RispondiElimina
  2. Due lauree a distanza ravvicinata sono come minimo destinate a diventare un pensiero fisso, per parecchio tempo, nella testa di una mamma. Ma credo che la soddisfazione, poi, sia molto pi' che doppia. E trapela, eccome, anche da questo post, con unfilo conduttore che, una volta chiarito, non ha bisogno di spiegazioni. E neppure di troppo appetito, da tanto sono stuzzicanti queste tapas. Bravissima!

    RispondiElimina