domenica 2 giugno 2013

Trenette alla bottarga

Da un mese non posto più per motivi familiari che mi hanno  tenuta occupata e che per fortuna si sono risolti positivamente. 

La bella stagione che tarda ad arrivare ed il cielo perennemente grigio non invogliano certo a preparare piatti freschi e stuzzicanti, ma da due giorni dalle mie parti è apparso finalmente il sole, anche se le temperature non sono certo quelle di un inizio giugno e allora ne ho approfittato per preparare delle trenette con la bottarga di muggine, acquistata nello stende della Sardegna nell'ultima edizione della Mostra Internazionale dell'Artigianato che si è svolta a Firenze dal 20 al 28 aprile scorsi. 
La bottarga viene ricavata dalle uova di tonno rosso o di muggine. I due prodotti differiscono sia nel colore che nel gusto (più deciso quella di tonno).
In Italia la bottarga di muggine, o cefalo, viene prodotta principalmente in Sardegna, sono famose quelle di Cagliari, Tortolì,
Sant'Antioco e in particolar modo quella proveniente dallo Stagno di Cabras
La bottarga di tonno ha un colore che varia dal rosa chiaro a quello scuro, mentre quella di muggine ha un colore ambrato. Anche le pezzature variano: le baffe di un tonno di oltre 100 chili possono raggiungere il chilo di peso, mentre non supera i 400 grammi quella di muggine.La bottarga viene prodotta dalla sacca ovarica, detta gonade, estratta dal pesce femmina senza romperla, viene lavata per eliminarne le impurità e poi sottoposta a salatura (ricoperta con sale marino, avendone cura di rivoltare quotidianamente le sacche e di sostituire periodicamente il sale), pressatura e stagionatura. 
È un alimento apprezzato per il suo alto tenore di proteine.

La ricetta della pasta con la bottarga va da sé che è estremamente semplice e pertanto necessita di ottimi ingredienti e di una cottura al dente della pasta oltre che dell'equilibrio nel gusto, per evitare che il sapore penetrante delle uova, sottoposte a salatura prendano il sopravvento. Per questo  motivo non è possibile definire quanta bottarga vada messa, sia perché deve rispecchiare il gusto personale sia perché possono esserci delle variazioni sulla sapidità  del singolo prodotto.


per 4 persone

250 gr di trenette
8 cucchiai di olio evo ligure
2 spicchi d'aglio
bottarga
sale 
acqua per la cottura della pasta
  • mentre cuoce la pasta in abbondante acqua salata,fare insaporire l'olio con due spicchi d'aglio,
  • scolare la pasta almeno tre  minuti prima del tempo di cottura riportato sulla confezione, avendo cura di tenere  due mestoli di acqua di cottura,
  • aggiungere l'acqua di cottura all'olio e risottare la pasta,
  • quanto l'acqua sarà quasi del tutto assorbita dalla pasta spegnere il fuoco e aggiungere una generosa grattata di bottarga.



2 commenti:

  1. ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di farmi visita mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. consigli e suggerimenti utilissimi sembra facile ma anche la pasta con la bottarga richeide un minimo d'attenzione all'equilibrio dei sapori

    RispondiElimina